E ccezionali guide hanno accompagnato i giocatori con un piccolo pensiero, curiosità e simpatiche chicche: 18 personaggi illustri di Milano, del mondo della cultura, dello sport, dello spettacolo, dell’informazione e della musica.
Stefano Boeri, Beppe Severgnini, Claudio Bisio, Gherardo Colombo, Gad Lerner, Gino Vignali, Daria Bignardi, James Bradburne, Enrico Bertolino, Pierluigi Pardo, Danco Singer, Davide Oldani, Philippe Daverio, Javier Zanetti, Demetrio Albertini, Cristiana Capotondi, Andrea De Carlo, Francesca Valla.


Riguarda i video QUI

Il gioco


C resce la voglia di muoversi, esplorare, divertirsi e vivere la città insieme ai propri amici. Una grande Caccia al Tesoro online alla riscoperta della città, dedicata alle ragazze e ai ragazzi delle scuole secondarie (di I e di II grado) di Milano.
Il gioco è ideato e realizzato da Frame-Festival della Comunicazione, il Comune di Milano, YesMilano e fa parte del progetto europeo Food Wave-Empowering Urban Youth for Climate Action.

Un particolare ringraziamento va al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci e alla Pincoteca di Brera per aver fornito spunti e materiali e a Lissander Brasca (Bangor University, UK) e Simona Scuri (Far Lombard, associazion per la Lengua Lombarda) per la revisione linguistica e ortografia del dialetto milanese.
170x90_LOGO_Milano
170x90_LOGO_foodpolicy
170x90_LOGO_Europa
170x90_LOGO_FDC
170x90_LOGO_Yesmilano

Una sfida


Il Comune ha lanciato la sfida a tutte le classi delle scuole medie e superiori di Milano, per riscoprire la città da punti di vista nuovi, con creatività, spirito di squadra e voglia di mettersi in gioco.
I temi delle tappe spaziano tra arte, architettura, storia di Milano, tradizione, cucina, sport, scienza e tecnica, musica, botanica, ecologia e comprendono prove speciali dedicate alle sfide poste dai cambiamenti climatici, alla sana e sostenibile alimentazione, alla lotta agli sprechi, al riciclo e alle buone pratiche green.
La Caccia al Tesoro è stata un’occasione per conoscere Milano da un punto di vista nuovo, sentirci più vicini e conoscerci meglio, vivere la città rimanendo nelle nostre case, attivare la creatività, l’immaginazione, lo spirito di squadra anche a distanza. Ma soprattutto è stata una rivincita dei ragazzi verso un virus che in questi giorni ha messo a dura prova gli entusiasmi, la vitalità e l’inventiva. Un modo per ribadire che Milano è giovane, viva e creativa.

Le tappe


C inque tappe (una al giorno per cinque giorni) con 10 prove da superare tra enigmi, iscrizioni da decifrare, indovinelli, quiz e indizi nascosti nei luoghi più insospettati di Milano, del centro e della periferia. Senza muoversi di casa, ma navigando nelle mappe web e collaborando in chat coi compagni di squadra.